mercoledì 13 aprile 2011

La parità non è tutto

Insomma c'è questa mia amica, no, che sta da dieci anni con uno. Un bel tipo, alto, interessante. Praticamente si vede lontano un chilometro che questi due non hanno niente in comune. Cioè, da fuori è evidente. E tutti si domandano "Ma chissà come fanno a stare insieme, che sono uno il contrario dell'altra". Gli opposti si attraggono, evidentemente, ma ci dev'essere anche qualcosa in più, perché gli opposti si attraggono per un periodo limitato di tempo, e invece loro sono insieme da dieci anni e hanno fatto pure due figli. Però non si sono mai sposati, segno che un po' anche loro erano dubbiosi sul loro futuro. Visti da fuori sembrano affiatati, ma lei ogni tanto la vedo triste. A volte arriva alle feste da sola, a volte non arriva nemmeno. Le chiedo se c'è qualcosa che non va e mi risponde "Non va". Lei si sforza, ma non va. Si amano tanto, questo lo vedo. Ognuno a modo suo però, e infatti hanno entrambi la sensazione di stare per essere lasciati, e questa cosa, alla lunga, logora.
Un po' di tempo fa hanno deciso di prendersi una pausa, un po' di fiato tra musi e discussioni, così da riscoprirsi da lontano e ricordarsi il motivo per cui si amano così tanto. Sembrava funzionare, ma forse era già troppo tardi: lui si è trovato un'altra con cui condividere tutto il suo mondo, e a lei si è spezzato, definitivamente, il cuore.
Quando stavano insieme, lui lavorava, cucinava, lavava, stirava e cambiava i pannolini ai bambini. Lei lavorava, cucinava, lavava, stirava e cambiava i pannolini ai bambini.
A volte, la parità non è tutto.

9 commenti:

  1. spero non sia un'autobiobrafia :(

    Luca

    RispondiElimina
  2. Vorrei scrivere cose e commentare dal lontano del mio mondo, ma non riesco. Non so nemmeno cosa scrivere se non che queste parole mi hanno toccato. Lo so che è un commento inutile, ma era per. Boh, non lo so manco io.

    Chiara

    RispondiElimina
  3. c'è bisogno che ti dica che è la mia storia? quando ho saputo che lui s'era consolato è stato uno tra i momenti più brutti della mia vita. e non è che la mia vita fin lì fosse stata bella.
    un bacio forte alla tua amica.

    RispondiElimina
  4. ma mi deludi con "Però non si sono mai sposati, segno che un po' anche loro erano dubbiosi sul loro futuro."...a me vengono in mente molte coppie che invece si sposano per sentirsi "piu' sicure" quando invece stanno per non lasciarsi (e magari lo fanno comunque poco dopo il matrimonio)?!

    RispondiElimina
  5. La parità non è la panacea di tutti i mali... e una grande amicizia non è sempre amore..
    Doveva accadere, comunque! Un abbraccio affettuoso alla tua amica :)

    ps. ho da poco scoperto il tuo blog, sei favolosa!!

    Sara

    RispondiElimina
  6. Sai, ho l'atroce sospetto che forse la parità non basti... e, purtroppo, non aiuti, se da una parte c'è chi cerca in tutti i modi di raccogliere i cocci di una storia importante e dall'altra chi si "consola" nel modo più scontato. Ma conosco troppo poco la storia per giudicare, e forse non è neppure il caso di farlo. Però ti abbraccio e ti ammiro, perché almeno tu ci hai provato a costruire qualcosa; io, per paura di fallire, invece, non comincio neanche. Ed è peggio. Coraggio!

    RispondiElimina
  7. Invece a me tutti dicono che siamo fatti l' uno per l' altra, le mie amiche quando conoscono lui dicono: è proprio la persona giusta per te! E anche da noi la parità è di casa... I miei bimbi alla richiesta chi cucina, chi lava i piatti, chi stende... rispondono mamma e papà. Poi ognuno ha i suoi compiti specifici, ma è tutto molto naturale. Qual è l' unico neo? Le nonne (entrambe!) che dicono: quant'è bravo! E di me non dicono niente ma si capisce cosa pensano!

    RispondiElimina