giovedì 24 maggio 2012

Più padri nel blogroll

In questi giorni mi sento un po' decadente. Forse è colpa delle condizioni meteo, che fanno molto Autumn in New York, ma che siccome non siamo a New York, fanno solo Autumn. Comunque non so, sono stanca. E di certo i miei figli non mi aiutano, anzi, se possono, mi danno la mazzata definitiva. Domenica pomeriggio infatti, ho portato il mio primogenito al cinema a vedere The Avengers, il film sui supereroi. E siccome c'era anche Capitan America che fa molto anni Ottanta, prima del film ho portato Lorenzo a fare una cosa in linea col periodo storico: un panino al Burger King. Non me ne voglia Mc Donald's, ma in quella zona c'era solo la concorrenza. È stata una bella idea: mio figlio ed io a mangiare junk food prima del cinema. Mi sono sentita molto complice, molto gggiovane. E poi anche molto patetica. Su ogni tavolo c'erano delle corone di cartoncino e io ne ho indossata subito una, dicendo a Lorenzo: "Guardami! Sono la tua regina!" e muovevo la testa a destra e sinistra pensando di essere in quel momento il top della madre che ogni bambino vorrebbe avere. Ci ha pensato mio figlio a ridimensionarmi subito, dicendomi, abbassando la voce: "Mamma, dai, ci stanno guardando tutti..."
Ora, mio figlio ha cinque anni e mezzo, un'età che pensavo potesse rientrare ancora nell'infanzia. Voglio dire, non ne ha 16. È un bambino piccolo, e quindi io dovrei essere a pieno diritto una madre giovane. Capite adesso la mia depressione? In quel Burger King mi è stata negata un'illusione. Sono improvvisamente diventata la madre vecchia e rincoglionita che fa delle cose stupide che non fanno ridere nessuno. Così, dopo aver scartato tutti i cetrioli del panino e aver rifiutato le patatine fritte col ketchup e la salsa rosa, mio figlio mi ha pregato di portarlo al cinema. E ci sarebbe andato volentieri da solo se avesse avuto un reddito minimo.
La depressione inizia a passarmi soltanto oggi, perché ci sono improvvisamente 30 gradi ed è tornato il sole, ma soprattutto mi viene incontro la pubblicità su facebook, che mi assicura che non sono poi tanto da buttare, che mi ricorda che dopotutto sono ancora fertile e che il marketing mi ha inclusa in una segmentazione di donne tutto sommato giovani:


Siate finalmente libere !
fleurcup.com
Vivete questa nuova
sensazione di libertà
femminile, dimenticatevi
tamponi e assorbenti,
scoprite Fleurcup !

Adesso mi sento veramente sollevata.
Comunque tutto questo non c'entra niente con quello che volevo dirvi. Era solo un mio sfogo personale, perché dopotutto non è che si può sempre stare sul pezzo: ogni tanto sui blog ci va pure qualcosa di personale, no? Oggi va così, ma una cosa importante ve la dico lo stesso: a seguito dei discorsi sui post precedenti, ho aggiornato il mio blogroll inserendo link ai blog di padri che meritano di essere inclusi in tutti i discorsi legati all'educazione dei figli e al progresso della nostra società verso una direzione più equa. Così, se anche a qualcuno di loro capiterà di sentirsi vecchio e patetico, lo sapremo subito e potremo consolarci a vicenda.


15 commenti:

  1. Eh. Penso che il gap generazionale si riconosce proprio da quella sensazione di inadeguatezza :/ mi hai fatto proprio sorridere!

    RispondiElimina
  2. ... per ora passo alla tua domanda: Filippo 2 anni, Bea 4 sono ancora nella fase di "IperRicettivitàSemInfantile", nel senso che non mi hanno ancora scaricato... ma prevedo rapide evoluzioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ti capita, non ti chiudere in te stesso: qui avrai sempre uno spazio per piangere.

      Elimina
  3. I 5 anni e mezzo sono i nuovi 15, come i 35 sono i nuovi 25 no?!

    RispondiElimina
  4. Grazie del passaggio, mi sono avvicinato.
    Non so se gli altri uomini sono d'accordo, ma mi sento molto spesso patetico, ai limiti del ridicolo! ;) e vecchio ogni volta che devo sdedermi per legarmi le scarpe.

    RispondiElimina
  5. Non avendo figli che mi fanno sentire dell'empatia nei tuoi confronti (sorry!) sono rimasta invece colpita dall'immagine che hai allegato... Fleurcup!
    Mai sentito parlare prima di questo "coso", oggi è la seconda volta che lo vedo, stamani su un altro blog, ora qui da te. Sarà un messaggio subliminale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che oggi, se non hai Fleurcup non sei nessuno.

      Elimina
  6. Visto che si parla di padri nel blogroll, ti presento il mio blog http://babbonline.blogspot.it/
    Siamo ancora in pochi considerando le mamme in Rete ma stiamo arrivando anche noi padri :)

    RispondiElimina
  7. Sono inciampata qui da te e... beh mi sento bene.
    Mio figlio a 5 anni: Mamma mi raccomando per salutarmi non baciarmi davanti a tutti...
    io: ok, un batti 5 va bene?
    Lui: per favore...
    Ho imparato a salutarlo con un ghigno.
    Ora lui ha 21 anni e quando mi saluta mi stringiotta forte forte e mi dice "ciao mammina" e io mi sento un tantino in imbarazzo.
    Ora la mia domanda è questa: Quando imparerò a comportarmi?
    Questo solo con il maschietto, la femminuccia? Tutta un'altra storia, anche questa però con tutte le sue improbabilità.......
    Se ti va passa da me, io parlo di tutt'altro nel mio blog, spero di dirne una giusta almeno lì.
    Ciao! A presto!
    ilcastdellanostravita.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verrò a trovarti. E poi mi darai delle dritte per i miei prossimi 16 anni :)

      Elimina
  8. Benny perchè non ci porti me al Brugher King??
    :-D
    baci, Chiara

    RispondiElimina